In finibus Christianitatis

Wos J. W., In finibus Christianitatis. Figure e momenti di storia della Polonia medievale e moderna, pp. 176 – Euro 12,00.

Il volume raccoglie undici articoli già pubblicati su riviste o miscellanee, presentati ora secondo la successione cronologica dell’argomento trattato, partendo da San Stanislao vescovo di Cracovia (+ 1079) fino a Re Sigismondo III Vasa (1587-1632). Il lavoro vuole anche costituire un contributo alla storia dei rapporti italo-polacchi in campo politico-diplomatico, ecclesiastico e culturale.

Indice del volume: San Stanislao, patrono della nazione polacca, e la “Vita minor” di Vincenzo di Kielce | San Stanislao vescovo di Cracovia fra leggenda e storia | Le origini dell’Università di Cracovia | Matteo di Cracovia e il suo trattato sulla Curia romana | Paulus Vladimiri di Brudzen, un giurista al servizio dello Stato | Alessandro di Masovia, vescovo di Trento (1423-1444): alcune linee di ricerca | Jan Zambocki (1465 – 1528), penitenziere apostolico, e la sua predica sulla SS. Trinità | Il regno di Polonia e il COncilio di Trento | L’idea di pace e di guerra nel “De Rapublica emendanda” di Andreas Fricius Modrevius | Stanislaw Reszka segretario del cardinale Hozjusz e ambasciatore del re di Polonia | Alessandro Cilli, “notarius Italicus” del re di Polonia Sigismondo III Vasa.